Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Reperti polmonari post mortem in una serie di casi di COVID-19 nel Nord Italia


COVID-19 è caratterizzato da sintomi respiratori, che progrediscono a insufficienza respiratoria in una percentuale sostanziale di casi, richiedendo cure intensive fino a un terzo dei pazienti ricoverati in ospedale.

L'analisi delle caratteristiche patologiche nei tessuti polmonari dei pazienti deceduti con COVID-19 potrebbe aiutare a comprendere la patogenesi della malattia e gli esiti clinici.

Sono stati analizzati sistematicamente campioni di tessuto polmonare di 38 pazienti deceduti per COVID-19 in due ospedali del Nord Italia tra il 29 febbraio e il 24 marzo 2020.

Sono state selezionate le aree più rappresentative identificate all'esame macroscopico e sono stati prelevati da ciascun polmone blocchi di tessuto ( mediana, 7 ) e fissati in formalina tamponata al 10% per almeno 48 ore.

I tessuti sono stati valutati con l'uso di colorazione con ematossilina eosina, colorazione immunoistochimica per infiltrato infiammatorio e componenti cellulari ( inclusa la colorazione con anticorpi contro CD68, CD3, CD45, CD61, TTF1, p40 e Ki-67 ) e microscopia elettronica per identificare la localizzazione del virione.

Tutti i casi hanno mostrato caratteristiche delle fasi essudative e proliferative del danno alveolare diffuso, che includevano congestione capillare ( in tutti i casi ), necrosi dei pneumociti ( in tutti i casi ), membrane ialine ( in 33 casi ), edema interstiziale e intra-alveolare ( in 37 casi ), iperplasia pneumocitaria di tipo 2 ( in tutti i casi ), metaplasia squamosa con atipia ( in 21 casi ) e trombi piastrine-fibrina ( in 33 casi ).

L'infiltrato infiammatorio, osservato in tutti i casi, era in gran parte composto da macrofagi nel lume alveolare ( in 24 casi ) e linfociti nell'interstizio ( in 31 casi ).
La microscopia elettronica ha rivelato che le particelle virali erano localizzate prevalentemente negli pneumociti.

Il pattern predominante delle lesioni polmonari nei pazienti con COVID-19 è il danno alveolare diffuso, come descritto nei pazienti infetti da sindrome respiratoria acuta grave e sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus.
Sono frequenti la formazione della membrana ialina e l'iperplasia atipica degli pneumociti.

È importante sottolineare che la presenza di trombi piastrine-fibrina nei piccoli vasi arteriosi è coerente con la coagulopatia, che sembra essere comune nei pazienti con COVID-19 e dovrebbe essere uno dei principali bersagli della terapia. ( Xagena2020 )

Carsana L et al, Lancet Infectious Disease 2020; 20: 1135-1140

Inf2020 Pneumo2020



Indietro