GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazioni tra indice di massa corporea e gravità del COVID-19 in Inghilterra


L'obesità è un importante fattore di rischio per esiti avversi dopo l'infezione da SARS-CoV-2.
È stata esaminata questa associazione, comprese le interazioni con le caratteristiche demografiche e comportamentali, il diabete di tipo 2 e altre condizioni di salute.

In uno studio di coorte prospettico, basato sulla comunità, sono stati utilizzati dati dal database QResearch in Inghilterra, Regno Unito. Sono stati estratti i dati per i pazienti di età pari o superiore a 20 anni registrati presso uno studio medico idoneo per l'inclusione nel database QResearch tra il 24 gennaio 2020 ( data della prima infezione registrata nel Regno Unito ) e il 30 aprile 2020 e con i dati disponibili sull'indice di massa corporea ( BMI ).

Gli esiti, come misura proxy di COVID-19 grave, sono stati il ​​ricovero in ospedale, il ricovero in Unità di terapia intensiva ( UTI ) e la morte per COVID-19.

Su 6.910.695 individui idonei ( indice BMI medio 26.78 kg/m2 ), 13.503 ( 0.20% ) sono stati ricoverati in ospedale, 1.601 ( 0.02% ) in terapia intensiva e 5.479 ( 0.08% ) sono morti dopo un test positivo per SARS-CoV-2.

Sono state trovate associazioni a forma di J tra indice BMI e ricovero in ospedale a causa di COVID-19 ( hazard ratio aggiustato, aHR per kg/m2 dal nadir a indice BMI di 23 kg/m2 di 1.05 ) e morte ( 1.04 ), e un'associazione lineare su tutto il range dell'indice BMI con il ricovero in terapia intensiva ( 1.10 ).

È stata trovata un'interazione significativa tra indice BMI ed età ed etnia, con l'hazard ratio più alto per kg/m2 sopra l'indice BMI di 23 kg/m2 per le persone più giovani ( aHR per kg/m2 sopra indice BMI di 23 kg/m2 per il ricovero ospedaliero 1.09 nella fascia di età 20-39 anni versus gruppo 80-100 anni 1.01 ) e persone di razza nera rispetto a persone di razza bianca ( 1.07 vs 1.04 ).

Il rischio di ricovero in ospedale e in terapia intensiva a causa di COVID-19 associata all'aumento unitario dell' indice BMI è stato leggermente inferiore nelle persone con diabete di tipo 2, ipertensione e malattie cardiovascolari rispetto a quelle senza queste morbilità.

Con un indice BMI superiore a 23 kg/m2, è stato riscontrato un aumento lineare del rischio di forma grave di COVID-19 che ha portato al ricovero in ospedale e alla morte e un aumento lineare del ricovero in terapia intensiva nell'intero range di indice BMI, che non era attribuibile a rischi in eccesso di malattie correlate.
Il rischio relativo dovuto all'aumento dell'indice di massa corporea è particolarmente rilevante per le persone di età inferiore a 40 anni e di etnia nera. ( Xagena2021 )

Gao M et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2021; 9: 350-359

Endo2021 Inf2021



Indietro