Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Blocco GM-CSF con Mavrilimumab nella polmonite grave da COVID-19 e nell'iperinfiammazione sistemica


La mortalità nei pazienti con polmonite da COVID-19 e iperinfiammazione sistemica è alta. Si è determinato se Mavrilimumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore alfa del fattore stimolante le colonie di granulociti e macrofagi ( GM-CSF ), aggiunto al trattamento standard, migliori gli esiti clinici nei pazienti con polmonite da COVID-19 e iperinfiammazione sistemica.

Uno studio di coorte prospettico monocentrico ha incluso pazienti di età pari o superiore a 18 anni che sono stati ricoverati all'Ospedale San Raffaele di Milano con grave polmonite da COVID-19, ipossia e iperinfiammazione sistemica.
I pazienti hanno ricevuto una singola dose endovenosa da 6 mg/kg di Mavrilimumab aggiunta alle cure standard fornite dall'ospedale in quel momento.

Il gruppo di controllo era costituito da pazienti contemporanei con caratteristiche basali simili che hanno ricevuto cure standard presso lo stesso ospedale.

L’esito principale era il tempo al miglioramento clinico ( definito come miglioramento di due o più punti sulla scala ordinale di sette punti dello stato clinico ).

Altri risultati includevano la percentuale dei pazienti che hanno ottenuto un miglioramento clinico, sopravvivenza, sopravvivenza libera da ventilazione meccanica e tempo alla risoluzione della febbre.
Gli eventi avversi sono stati monitorati quotidianamente.

Tra il 17 marzo e il 15 aprile 2020, 13 pazienti ventilati non-meccanicamente ( età mediana 57 anni, 12 uomini, 92% ) hanno ricevuto Mavrilimumab e 26 pazienti ( età media 60 anni, 17 uomini, 65% ) nel gruppo di controllo hanno ricevuto cure standard.

Durante il follow-up di 28 giorni, nessun paziente nel gruppo Mavrilimumab è morto e 7 pazienti ( 27% ) nel gruppo di controllo sono morti ( P=0.086 ).

Al giorno 28, tutti i pazienti nel gruppo Mavrilimumab e 17 pazienti ( 65% ) nel gruppo di controllo hanno mostrato un miglioramento clinico ( P=0.030 ), con un miglioramento più precoce nel gruppo Mavrilimumab rispetto al gruppo di controllo ( tempo medio per il miglioramento 8 giorni vs 19 giorni, P=0.0001 ).

Al giorno 28, un paziente ( 8% ) nel gruppo Mavrilimumab è passato alla ventilazione meccanica rispetto a 9 pazienti ( 35% ) nel gruppo di controllo che sono passati alla ventilazione meccanica o sono morti ( P=0.14 ).

Al giorno 14, la febbre si è risolta in 10 su 11 pazienti febbrili ( 91% ) nel gruppo Mavrilimumab, rispetto a 11 dei 18 pazienti febbrili ( 61% ) nel gruppo di controllo ( P=0.18 ); la risoluzione della febbre è stata più rapida in coloro che erano stati trattati con Mavrilimumab rispetto ai controlli ( tempo mediano alla risoluzione 1 vs 7 giorni, P=0.0093 ).

Mavrilimumab è risultato ben tollerato, senza reazioni all'infusione. 3 pazienti ( 12% ) nel gruppo di controllo hanno sviluppato complicanze infettive.

Il trattamento con Mavrilimumab è stato associato a esiti clinici migliori rispetto all'assistenza standard in pazienti non-ventilati meccanicamente con grave polmonite da COVID-19 e iperinfiammazione sistemica.
La conferma dell'efficacia richiede test controllati. ( Xagena2020 )

De Luca G et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 465-473

Inf2020 Pneumo2020 Med2020 Farma2020


Indietro