Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Onco News

Caratteristiche cliniche di 113 pazienti deceduti con Covid-19: studio retrospettivo


Uno studio ha cercato di delineare le caratteristiche cliniche dei pazienti deceduti con malattia da virus SARS-CoV-2 ( Covid-19 ).

In una coorte di 799 pazienti, sono stati analizzati 113 deceduti e 161 guariti con una diagnosi di Covid-19.
I dati dell'ospedale Tongji di Wuhan ( Cina ) sono stati raccolti fino al 28 febbraio 2020.
L'età media dei pazienti deceduti ( 68 anni ) era significativamente superiore rispetto ai pazienti guariti ( 51 anni ).

Il sesso maschile aveva una maggiore predominanza tra i pazienti deceduti ( 83; 73% ) rispetto ai pazienti guariti ( 88; 55% ).

L'ipertensione cronica e altre comorbilità cardiovascolari erano più frequenti tra i pazienti deceduti ( 54 [ 48% ] e 16 [ 14% ] ) rispetto ai pazienti guariti ( 39 [ 24% ] e 7 [ 4% ] ).

Dispnea, oppressione toracica e disturbo cognitivi erano più comuni nei pazienti deceduti ( 70 [ 62% ], 55 [ 49% ] e 25 [ 22% ] ) rispetto ai pazienti guariti ( 50 [ 31% ], 48 [ 30% ] e 1 [ 1% ] ).

Il tempo mediano dall'esordio della malattia alla morte nei pazienti deceduti è stato di 16 ( intervallo interquartile 12-20 ) giorni.

La leucocitosi era presente in 56 ( 50% ) pazienti deceduti e in 6 ( 4% ) guariti, e la linfopenia era presente rispettivamente in 103 ( 91% ) e 76 ( 47% ) persone.

Le concentrazioni di alanina aminotransferasi [ ALT ], aspartato aminotransferasi [ AST ], creatinina, creatin chinasi, lattato deidrogenasi, troponina cardiaca I, frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B e di D-dimero erano marcatamente più elevate nei pazienti deceduti rispetto ai pazienti guariti.

Le complicanze comuni osservate più frequentemente nei pazienti deceduti includevano sindrome da distress respiratorio acuto ( 113; 100% ), insufficienza respiratoria di tipo I ( 18/35; 51% ), sepsi ( 113; 100% ), danno cardiaco acuto ( 72/94; 77% ), insufficienza cardiaca ( 41/83; 49% ), alcalosi ( 14/35; 40% ), iperkaliemia ( 42; 37% ), danno renale acuto ( 28; 25% ) ed encefalopatia ipossica ( 23; 20% ).

I pazienti con comorbidità cardiovascolare avevano maggiore probabilità di sviluppare complicanze cardiache.
Indipendentemente dall'anamnesi di malattie cardiovascolari, lesioni cardiache acute e insufficienza cardiaca erano più comuni nei pazienti deceduti.

In conclusione, l'infezione da SARS-CoV-2 può causare infiammazione sia polmonare che sistemica, portando a disfunzione multiorgano in pazienti ad alto rischio.
Sindrome da distress respiratorio acuto e insufficienza respiratoria, sepsi, danno cardiaco acuto e insufficienza cardiaca sono state le complicanze critiche più comuni durante l'esacerbazione di Covid-19. ( Xagena2020 )

Fonte: British Medical Journal, 2020

Inf2020



Indietro