Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Effetti a medio termine dell'infezione da SARS-CoV-2 su organi vitali, capacità allo sforzo, attività cognitiva, qualità di vita e salute mentale, dimissione post-ospedaliera


Gli effetti a medio termine della malattia da nuovo coronavirus ( COVID-19 ) sulla salute di più organi, capacità allo sforzo, attività cognitiva, qualità di vita e salute mentale sono poco noti.

Un totale di 58 pazienti COVID-19 dimessi dall'ospedale e 30 controlli abbinati per comorbilità sono stati arruolati in modo prospettico per la risonanza magnetica ( MRI ) con coinvolgimento multiorgano ( cervello, polmoni, cuore, fegato e reni ), spirometria, test del cammino in sei minuti, test da sforzo cardiopolmonare ( CPET ), qualità di vita, valutazioni della salute cognitiva e mentale.

A 2-3 mesi dall'esordio della malattia, il 64% dei pazienti manifestava dispnea persistente e il 55% lamentava una significativa stanchezza.

Alla risonanza magnetica, sono state osservate anomalie del segnale dei tessuti a livello polmonare ( 60% ), cardiaco ( 26% ), epatico (10%) e renale ( 29% ) tra i pazienti.

I pazienti COVID-19 hanno anche mostrato alterazioni tissutali nel talamo, radiazioni talamiche posteriori e strato sagittale alla risonanza magnetica cerebrale, e compromissione delle prestazioni cognitive, in particolare nel dominio esecutivo e visuo-spaziale, rispetto ai controlli.

La tolleranza allo sforzo ( consumo massimo di ossigeno ed efficienza ventilatoria al test CPET ) e la distanza percorsa a piedi in sei minuti ( 405 ± 118 metri versus 517 ± 106 m nei controlli, p inferiore a 0.0001 ) erano significativamente ridotte nei pazienti.

L'entità delle anomalie della risonanza magnetica extra-polmonare e la tolleranza allo sforzo erano correlate ai marcatori sierici dell'infiammazione in corso e alla gravità della malattia acuta.

I pazienti avevano maggiori probabilità di riportare sintomi di ansia da moderata a grave ( 35% vs 10%, p = 0.012 ) e di depressione ( 39% vs 17%, p = 0.036 ) e compromissione significativa in tutti i domini della qualità di vita rispetto ai controlli.

Una percentuale significativa di pazienti COVID-19 dimessi dall'ospedale sta sperimentando sintomi continui di dispnea, affaticamento, ansia, depressione e limitazione allo sforzo a 2-3 mesi dall'esordio della malattia.
Sono comuni i persistenti riscontri di risonanza magnetica polmonare ed extrapolmonare.
Nei sopravvissuti al COVID-19, l'infiammazione cronica può essere alla base di anomalie multiorgano e contribuire a una ridotta qualità di vita. ( Xagena2020 )

Raman B et al, medRxiv 2020

Inf2020 Med2020



Indietro