Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Efficacia e sicurezza del plasma convalescente COVID-19 nei pazienti ospedalizzati


Esiste un equilibrio clinico per l'uso del plasma convalescente ( CCP ) COVID-19 nei pazienti ricoverati in ospedale con malattia da virus SARS-CoV-2 ( COVID-19 ).
Sono state determinate la sicurezza e l'efficacia del plasma convalescente COVID-19, rispetto al placebo nei pazienti ospedalizzati con COVID-19 che ricevono Ossigeno supplementare non-invasivo.

CONTAIN COVID-19, uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo sul plasma convalescente COVID-19 in adulti ospedalizzati con malattia da SARS-CoV-2, è stato condotto in 21 ospedali statunitensi dal 17 aprile 2020 al 15 marzo 2021.
Lo studio ha arruolato 941 partecipanti che sono stati ricoverati in ospedale per 3 o meno giorni o si sono presentati 7 o meno giorni dopo l'insorgenza dei sintomi e hanno richiesto un'integrazione di Ossigeno non-invasiva.

Ai pazienti è stata somministrata un'unità di circa 250 ml di plasma convalescente COVID-19 o un volume equivalente di placebo ( soluzione fisiologica ).

L'esito primario erano i punteggi dei partecipanti sulla scala ordinale per il miglioramento clinico a 11 punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ) al giorno 14 dopo la randomizzazione; l'esito secondario era il punteggio dell'OMS determinato il giorno 28.

I sottogruppi sono stati analizzati in relazione all'età, al punteggio OMS al basale, ai farmaci concomitanti, alla durata dei sintomi, al titolo anticorpale anti-SARS-CoV-2 del plasma convalescente COVID-19, al sierostato SARS-CoV-2 al basale e al trimestre di arruolamento.

L'efficacia del plasma convalescente COVID-19 è stata definita come un odds ratio aggiustato cumulativo ( cOR ) inferiore a 1 e un effetto clinicamente significativo come cOR inferiore a 0.8.

Dei 941 partecipanti randomizzati ( 473 a placebo e 468 a plasma convalescente ), 556 erano uomini ( 59.1% ); l'età mediana era di 63 anni; 373 ( 39.6% ) erano ispanici e 132 ( 14.0% ) erano neri non-ispanici.

L'odds ratio cumulativo per l'esito primario aggiustato per sito, rischio basale, punteggio OMS, età, sesso e durata dei sintomi è stato 0.94 con probabilità a posteriori ( P cOR inferiore a 1= 72% ); l'odds ratio cumulativo per l'esito secondario aggiustato è stato pari a 0.92; P cOR inferiore a 1=76% ).

Le analisi esplorative per sottogruppi hanno suggerito l'eterogeneità dell'effetto del trattamento: al giorno 28, gli odds ratio cumulativi sono stati pari a 0.72 ( P cOR inferiore a 1=93% ) per i partecipanti arruolati in aprile-giugno 2020 e 0.65 ( P cOR inferiore a 1=97% ) per coloro che non avevano ricevuto Remdesivir e non ricevevano corticosteroidi alla randomizzazione.

Il titolo di neutralizzazione SARS-CoV-2 mediano del plasma convalescente COVID-19 utilizzato da aprile a giugno 2020 è stato 1:175.

Eventuali eventi avversi, escluse le reazioni trasfusionali, sono stati segnalati per 39 pazienti ( 8.2% ) trattati con placebo e 44 ( 9.4% ) con plasma convalescente COVID-19 ( P=0.57 ).
Reazioni trasfusionali si sono verificate in 2 pazienti ( 0.4 ) trattati con placebo e 8 ( 1.7 ) con plasma convalescente COVID-19 ( P=0.06 ).

In questo studio, il plasma convalescente COVID-19 non ha soddisfatto gli esiti primari e secondari prespecificati per l'efficacia del plasma convalescente.
Tuttavia, il plasma convalescente COVID-19 ad alto titolo potrebbe aver avvantaggiato i partecipanti all'inizio della pandemia quando Remdesivir e i corticosteroidi non erano in uso. ( Xagena2022 )

Ortigoza MB et al, JAMA Intern Med 2022; 182: 115-126

Inf2022 Med2022



Indietro