Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Efficacia e sicurezza di Baricitinib o Ravulizumab nei pazienti adulti con forma grave di COVID-19: studio TACTIC-R


Fin dall’inizio della pandemia di COVID-19, le evidenze hanno suggerito un ruolo della disregolazione delle citochine e dell’attivazione del complemento nelle malattie gravi.

Nello studio TACTIC-R, sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Baricitinib ( Olumiant ), un inibitore della Janus chinasi 1 ( JAK1 ) e JAK2, e di Ravulizumab ( Ultomiris ), un inibitore monoclonale dell'attivazione del complemento C5, in aggiunta allo standard di cura per il trattamento dei pazienti adulti ricoverati in ospedale con COVID-19.

TACTIC-R era uno studio di fase 4, randomizzato, a braccio parallelo, in aperto, condotto nel Regno Unito con designazione urgente di Sanità pubblica per valutare il potenziale del riutilizzo degli immunosoppressori per il trattamento della forma grave di COVID-19, stratificato in base a un punteggio di rischio.

I partecipanti adulti di età maggiore o uguale a 18 anni sono stati arruolati da 22 ospedali in tutto il Regno Unito.
I pazienti con un punteggio di rischio indicante un rischio del 40% di ricovero in un'Unità di terapia intensiva ( UTI ) o di morte sono stati assegnati in modo casuale al solo standard di cura, allo standard di cura con Baricitinib o allo standard di cura con Ravulizumab.

L’esito primario composito era il tempo dalla randomizzazione all’incidenza ( fino al giorno 14 incluso ) del primo evento di morte, ventilazione meccanica invasiva, ossigenazione extracorporea della membrana, supporto di organi cardiovascolari o insufficienza renale.

L'analisi intermedia primaria è stata avviata quando erano disponibili 125 set di dati di pazienti fino al giorno 14 in ciascun gruppo di studio e sono stati inclusi nell'analisi tutti i partecipanti assegnati in modo casuale.

Nel periodo 2020-2021, 417 partecipanti sono stati reclutati e assegnati in modo casuale al solo standard di cura ( 145 pazienti ), Baricitinib ( 137 pazienti ) oppure Ravulizumab ( 135 pazienti ).

Solo 54 pazienti su 137 ( 39% ) nel gruppo Baricitinib hanno ricevuto il ciclo massimo di 14 giorni, mentre 132 pazienti su 135 ( 98% ) nel gruppo Ravulizumab hanno ricevuto la dose prevista.
Lo studio è stato interrotto dopo l'analisi provvisoria primaria per motivi di futilità.

L'hazard ratio ( HR ) stimato per il raggiungimento dell'endpoint primario composito è stato pari a 1.11 per i pazienti trattati con Baricitinib rispetto al solo standard di cura, e 1.53 per Ravulizumab rispetto al solo standard di cura.

Sono stati segnalati 45 eventi avversi gravi ( 21 decessi ) nel gruppo trattato con la terapia standard, 57 ( 24 decessi ) nel gruppo Baricitinib e 60 ( 18 decessi ) nel gruppo Ravulizumab.

Né Baricitinib né Ravulizumab, come somministrati in questo studio, sono risultati efficaci nel ridurre la gravità della malattia nei pazienti selezionati per forma grave di COVID-19. La sicurezza è stata simile tra i trattamenti e lo standard di cura.

Il breve periodo di dosaggio di Baricitinib potrebbe spiegare la discrepanza tra i risultati e quelli di altri studi. Il potenziale terapeutico mirato al prodotto di attivazione del complemento C5a, piuttosto che alla scissione di C5, merita un'ulteriore valutazione. ( Xagena2023 )

Hall FC et al, Lancet Respiratory Medicine 2023; 11: 1064-1074

Inf2023 Med2023 Pneumo2023 Farma2023



Indietro