Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Esiti a lungo termine di 180 giorni nei pazienti in condizioni critiche con COVID-19 nello studio clinico randomizzato REMAP-CAP


Gli effetti a lungo termine delle terapie per il trattamento di pazienti in condizioni critiche con COVID-19 non sono noti.

È stato determinato l'effetto di più interventi per adulti in condizioni critiche con COVID-19 sugli esiti a lungo termine.

Una analisi secondaria prespecificata di uno studio di piattaforma adattiva in corso ( REMAP-CAP ) ha esaminato gli interventi all'interno di più domini terapeutici in cui sono stati arruolati 4.869 pazienti adulti in condizioni critiche con COVID-19 tra marzo 2020 e giugno 2021 da 197 siti in 14 Paesi.
Il follow-up finale di 180 giorni è stato completato nel marzo 2022.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere uno o più interventi all'interno di 6 domini di trattamento: immunomodulatori ( n=2.274 ), plasma convalescente ( n=2.011 ), terapia antipiastrinica ( n=1.557 ), anticoagulanti ( n=1.033 ), antivirali ( n=726 ) e corticosteroidi ( n=401 ).

L'esito principale era la sopravvivenza fino al giorno 180, analizzata utilizzando un modello esponenziale bayesiano.
Un hazard ratio ( HR ) inferiore a 1 rappresentava un miglioramento della sopravvivenza ( superiorità ), mentre un hazard ratio maggiore di 1 rappresentava un peggioramento della sopravvivenza ( danno ); la futilità era rappresentata da un miglioramento relativo inferiore al 20% dell'esito, mostrato da un hazard ratio maggiore di 0.83.

Tra 4.869 pazienti randomizzati ( età media, 59.3 anni; 1.537 donne, 32.1% ), 4.107 ( 84.3% ) avevano uno stato vitale noto, e 2.590 ( 63.1% ) erano vivi al giorno 180.

Gli antagonisti del recettore dell'interleuchina 6 ( IL-6 ) hanno avuto il 99.9% di probabilità di migliorare la sopravvivenza a 6 mesi ( HR aggiustato, aHR=0.74 ) e gli agenti antipiastrinici hanno avuto una probabilità del 95% di migliorare la sopravvivenza a 6 mesi ( aHR=0.85 ) rispetto al controllo, mentre la probabilità di futilità statistica definita dallo studio ( HR superiore a 0.83 ) è stata alta per anticoagulazione terapeutica ( 99.9%; HR, 1.13 ), plasma convalescente ( 99.2%; HR, 0.99 ) e Lopinavir - Ritonavir ( 96.6%; HR, 1.06 ) e le probabilità di danno da Idrossiclorochina ( 96.9%; HR, 1.51 ) e la combinazione di Lopinavir-Ritonavir e Idrossiclorochina ( 96.8%; HR, 1.61 ) sono state alte.

Il dominio del corticosteroide è stato interrotto precocemente prima di raggiungere un trigger statistico predefinito; c'è stata una probabilità dal 57.1% al 61.6% di migliorare la sopravvivenza a 6 mesi attraverso diverse strategie di dosaggio dell'Idrocortisone.

Tra i pazienti in condizioni critiche con COVID-19 randomizzati a ricevere uno o più interventi terapeutici, il trattamento con un antagonista del recettore IL-6 ha mostrato una probabilità superiore al 99.9% di miglioramento della mortalità a 180 giorni rispetto ai pazienti randomizzati al controllo, e il trattamento con un antiaggregante ha mostrato una probabilità del 95.0% di miglioramento della mortalità a 180 giorni rispetto ai pazienti randomizzati al controllo.
Complessivamente, se considerati con i risultati a breve termine precedentemente riportati, i risultati indicano che gli effetti iniziali del trattamento in ospedale sono costanti per la maggior parte delle terapie per 6 mesi. ( Xagena2023 )

Writing Committee for the REMAP-CAP Investigators, JAMA 2023; 329: 39-51

Inf2023 Farma2023



Indietro