GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Gli anticorpi sembrano fornire protezione contro la reinfezione da COVID-19


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi.

Nello studio, i ricercatori hanno osservato più bassi tassi positivi ai test NAAT ( test di amplificazione degli acidi nucleici ) tra i pazienti che in precedenza erano risultati positivi per gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 rispetto a quelli che erano risultati negativi.

I dati di questo studio hanno indicato che le persone che hanno un risultato positivo a un test anticorpale sembrano avere una sostanziale immunità a SARS-CoV-2, il che significa che potrebbero essere a minor rischio di future infezioni e di sviluppare COVID-19.
Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per conoscere quanto tempo dura la protezione, chi può avere una protezione limitata e come le caratteristiche del paziente, ad esempio le condizioni di comorbidità, possono influire sulla protezione.

E' stato condotto uno studio di coorte descrittivo osservazionale retrospettivo. Sono state esaminate le cartelle cliniche dei pazienti nel periodo compreso tra dicembre 2018 e 28 agosto 2020, per identificare i pazienti che erano stati in seguito ( a partire da gennaio 2020 ) sottoposti a ricerca degli anticorpi anti-SARS-CoV-2.

I pazienti sono stati classificati in base alla tempistica del loro primo risultato del test degli anticorpi contro SARS-CoV-2, e seguiti fino alla fine del periodo di studio.

I ricercatori hanno notato che un risultato NAAT positivo entro 30 giorni da un test anticorpale SARS-CoV-2 positivo era probabilmente causato dalla diffusione virale. Ma poiché la maggior parte della diffusione virale dovrebbe terminare dopo 90 giorni, i risultati NAAT-positivi durante questo periodo possono indicare una nuova infezione.

Sono stati identificati 3.257.478 pazienti che hanno completato un test anticorpale. Tra questi, l'88.3% inizialmente aveva risultati anticorpali indice negativi, l'11.6% inizialmente aveva risultati anticorpali indice positivi e lo 0.1% aveva risultati del test anticorpale non-conclusivi.
Dei pazienti con risultati positivi al test degli anticorpi, il 18.4% è diventato sieronegativo durante il periodo di follow-up.

Nei pazienti che inizialmente avevano risultati anticorpali positivi, l'11.3% aveva risultati NAAT positivi entro 30 giorni dal test degli anticorpi.
Questa percentuale è scesa al 2.7% dopo 31-60 giorni dal test anticorpale, all'1.1% dopo 61-90 giorni e allo 0.3% più di 90 giorni dopo il test degli anticorpi.

Tra i pazienti che inizialmente avevano risultati anticorpali negativi, il 3.9% ha presentato risultati NAAT positivi entro 30 giorni.
La percentuale di pazienti inizialmente risultati negativi per gli anticorpi SARS-CoV-2 e successivamente risultati positivi a NAAT è stata pari a circa il 3% durante il periodo di follow-up, anche oltre 90 giorni.

Rispetto a coloro che inizialmente erano risultati negativi agli anticorpi, il rapporto dei risultati NAAT positivi tra coloro che avevano risultati positivi al test degli anticorpi è diminuito da 2.85 ( IC 95%, 2.73-2.97 ) nel periodo 0-30 giorni a 0.67 ( IC 95%, 0.6-0.74 ) da 31 a 60 giorni, 0.29 ( IC 95%, 0.24-0.35 ) da 61 a 90 giorni e 0.10 ( IC 95%, 0.05-0.19 ) dopo più di 90 giorni dal test iniziale. ( Xagena_2021 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2021

Diagno2021 Inf2021



Indietro