Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Il trattamento con l'associazione Lopinavir e Ritonavir non offre vantaggi sostanziali nella forma grave di COVID-19


Uno studio clinico ha mostrato che nei pazienti ricoverati in ospedale con grave malattia da coronavirus ( COVID-19 ), il trattamento con l'associazione di Lopinavir e Ritonavir ( Kaletra ) non ha fornito un beneficio sostanziale oltre le cure standard.

Un totale di 199 pazienti con grave infezione da SARS-CoV-2, confermata in laboratorio, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Lopinavir e Ritonavir ( n=99 ) o cure standard ( n=100 ).

L'end point primario era il tempo al miglioramento clinico, definito come il tempo dalla randomizzazione a un miglioramento di 2 punti su una scala ordinale di 7 categorie o il periodo dalla randomizzazione alla dimissione dall'ospedale, in ordine di priorità.
Le scale ordinali sono state utilizzate come endpoint negli studi clinici per l'influenza grave e comprendono le seguenti categorie: (1) non-ricoverato in ospedale con ripresa delle normali attività; (2) non-ricoverato in ospedale ma incapace di riprendere le normali attività; (3) ricoverato in ospedale ma senza richiedere ossigeno supplementare; (4) ricoverato in ospedale con richiesta di ossigeno supplementare; (5) ricoverato in ospedale con richiesta di ossigenoterapia ad alto flusso nasale, ventilazione meccanica non-invasiva o entrambe; (6) ricoverato in ospedale con richiesta di ossigenazione extracorporea a membrana, ventilazione meccanica invasiva o entrambe; e (7) morte.

L'età media dei pazienti era di 58 anni ( intervallo, 49-68 anni ) e l'intervallo mediano tra l'insorgenza dei sintomi e la randomizzazione era di 13 giorni.
Nel campione, il 60.3% dei pazienti erano di sesso maschile.

Nella popolazione intention-to-treat ( ITT ), i pazienti assegnati a Lopinavir e Ritonavir non hanno avuto un tempo di miglioramento clinico diverso da quello dei pazienti che hanno ricevuto cure standard ( mediana, 16 vs 16 giorni; hazard ratio [ HR ] per miglioramento clinico, 1.31; IC al 95%, 0.95-1.85; P = 0.09 ).

Nella popolazione ITT modificata che ha escluso 3 morti precoci, il tempo mediano al miglioramento clinico è stato di 15 giorni nel gruppo Lopinavir - Ritonavir rispetto a 16 giorni nel gruppo terapia standard ( HR, 1.39; IC al 95%, 1.00-1.91 ).

I pazienti nella popolazione ITT che hanno ricevuto il trattamento con Lopinavir - Ritonavir entro 12 giorni dall'esordio dei sintomi sembravano sperimentare un tempo più breve per il miglioramento clinico ( HR, 1.25; IC al 95%, 1.77-2.05 vs HR, 1.30; IC al 95%, 0.84-1.99 ).

La mortalità a 28 giorni è risultata numericamente più bassa nel gruppo Lopinavir-Ritonavir rispetto al gruppo di terapia standard sia nelle popolazioni ITT che nelle popolazioni ITT modificate ( 19.2% vs 25.0%; -5.8%; IC al 95%, da -1.73 a 5.7 e 16.7% rispetto 25.0%; -8.3%; IC al 95%, da -19.6 a 3.0, rispettivamente ).

I pazienti che hanno ricevuto Lopinavir-Ritonavir hanno avuto soggiorni più brevi nell'Unità di terapia intensiva ( UTI ) rispetto ai pazienti che hanno ricevuto cure standard ( differenza, -5 giorni; IC al 95%, da -9 a 0 giorni ) e il tempo dalla randomizzazione alla dimissione è stato numericamente più breve ( differenza, 1 giorno; IC al 95%, 0-3 giorni ).

Infine, il 45.5% dei pazienti nel gruppo Lopinavir-Ritonavir ha mostrato miglioramenti clinici al 14° giorno rispetto al 30.0% nel gruppo di terapia standard ( differenza, 15.5%; IC al 95%, 2.2-28.8 ).

Non ci sono state differenze significative in altri esiti secondari, inclusa la durata e il tempo dell'ossigenoterapia dalla randomizzazione alla morte.

Gli eventi avversi gastrointestinali sono risultati più comuni nel gruppo Lopinavir-Ritonavir, gli eventi avversi gravi erano più comuni nel gruppo di terapia standard.

Un totale di 13 pazienti nel gruppo Lopinavir-Ritonavir ha interrotto il trattamento precocemente a causa di eventi avversi. ( Xagena2020 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2020

Inf2020 Farma2020


Indietro