Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Iperinfiammazione associata a COVID-19 ed escalation della cura del paziente


Un sottogruppo di pazienti con forma grave di COVID-19 sviluppa una sindrome iperinfiammatoria, che potrebbe contribuire alla morbilità e alla mortalità.
Uno studio ha esaminato un fenotipo specifico dell'iperinfiammazione associata a COVID-19 ( COV-HI ) e le sue associazioni con l'escalation del supporto respiratorio e la sopravvivenza.

In questo studio di coorte retrospettivo sono stati arruolati pazienti ricoverati consecutivi di età a partire da 18 anni ricoverati negli ospedali University College London e di Newcastle upon Tyne nel Regno Unito con COVID-19 confermata dalla PCR durante la prima ondata di infezione acquisita in comunità.

I dati demografici, i test di laboratorio e lo stato clinico sono stati registrati dal giorno del ricovero fino al decesso o alla dimissione, con un tempo di follow-up minimo di 28 giorni.

È stata definita COV-HI come una concentrazione di proteina C reattiva maggiore di 150 mg/l o raddoppiata entro 24 ore da maggiore di 50 mg/l, o una concentrazione di ferritina maggiore di 1.500 mcg/l.
Il supporto respiratorio è stato classificato come solo Ossigeno, ventilazione non-invasiva e intubazione.

Le misurazioni iniziali e ripetute dell'iperinfiammazione sono state valutate in relazione al rischio di morte del giorno successivo o alla necessità di aumentare il supporto respiratorio come endpoint combinato.

Sono stati inclusi 269 pazienti ricoverati in uno degli ospedali dello studio tra il 1º marzo e il 31 marzo 2020, di cui 178 ( 66% ) erano eleggibili per l'escalation del supporto respiratorio e 91 ( 34% ) non erano eleggibili.

Di tutta la coorte, 90 pazienti ( 33% ) hanno soddisfatto i criteri COV-HI al momento del ricovero.
Nonostante avessero un'età mediana più giovane e punteggi mediani dell'indice di comorbilità di Charlson più bassi, più pazienti con COV-HI al momento del ricovero sono morti durante il follow-up ( 36 su 90 pazienti, 40% ) rispetto ai pazienti senza COV-HI al momento del ricovero ( 46 su 179, 26% ).

Tra i 178 pazienti eleggibili per il supporto respiratorio completo, 65 ( 37% ) soddisfacevano la definizione di COV-HI al momento del ricovero e 67 ( 74% ) dei 90 pazienti la cui cura respiratoria era stata intensificata hanno soddisfatto i criteri entro il giorno dell'escalation.

Il soddisfacimento dei criteri COV-HI è risultato significativamente associato al rischio di aumento del supporto respiratorio il giorno successivo o morte ( hazard ratio, HR 2.24 ) dopo aggiustamento per età, sesso e comorbilità.

Le associazioni tra marcatori infiammatori elevati, escalation del supporto respiratorio e sopravvivenza nelle persone con COVID-19 hanno indicato l'esistenza di un fenotipo infiammatorio ad alto rischio.
COV-HI potrebbe essere utile per stratificare i gruppi di pazienti nel disegno dello studio. ( Xagena2020 )

Manson JJ et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 594-602

Inf2020 Med2020



Indietro