Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Mortalità tardiva dopo l’infezione da virus SARS-CoV-2 tra i veterani statunitensi rispetto ai comparatori con corrispondenza del rischio: analisi a 2 anni


Nonostante la crescente evidenza di problemi persistenti dopo la fase acuta dell'infezione da virus SARS-CoV-2, non è noto per quanto tempo persista l’eccesso di rischio di mortalità associato a COVID-19.

È stato misurato l'andamento temporale della mortalità differenziale tra i veterani che hanno avuto una prima infezione documentata da SARS-CoV-2, valutando separatamente la mortalità acuta dalla mortalità successiva tra gruppi abbinati con individui infetti e non-infetti che sono sopravvissuti e non sono stati censurati all'inizio di ciascun periodo.

Questo studio di coorte retrospettivo ha utilizzato i dati, raccolti in modo prospettico dagli ospedali Veterans Affairs negli Stati Uniti, di cartelle cliniche dei veterani con diagnosi di COVID-19 tra marzo 2020 e aprile 2021.

Ogni individuo è stato abbinato a un massimo di 5 comparatori che non erano stati infettati dal virus SARS-CoV-2 al momento dell’abbinamento.
Questa corrispondenza ha bilanciato, mese per mese, il rischio di sviluppare COVID-19 utilizzando 37 variabili misurate nei 24 mesi precedenti la data del contagio o dell’abbinamento.

Un’analisi primaria ha censurato i comparatori quando hanno sviluppato COVID-19 con probabilità inversa di censurare la ponderazione nella regressione di Cox. Un'analisi secondaria non ha censurato.
Le analisi dei dati sono state eseguite da aprile 2021 a giugno 2023.

L’esposizione era il primo caso documentato di infezione da SARS-CoV-2. Gli esiti principali era l'hazard ratio ( HR ) per mortalità per qualsiasi causa a intervalli clinicamente significativi dopo l'infezione: da 0 a 90, da 91 a 180, da 181 a 365 e da 366 a 730 giorni.

Il campione di studio comprendeva 208.061 veterani con infezione da SARS-CoV-2 documentata per la prima volta ( età media, 60.5 anni; 21.936 donne; 47.645 neri e 139.604 bianchi ) e 1.037.423 comparatori non-infettati corrispondenti con caratteristiche simili.

I veterani con COVID-19 avevano un tasso di mortalità non-aggiustato dell’8.7% durante il periodo di 2 anni dopo l’infezione iniziale rispetto al 4.1% tra i comparatori non-infettati, con censura se il comparatore sviluppava successivamente COVID-19, con hazard ratio aggiustato ( aHR ) di 2.01.

Il rischio di morte in eccesso variava, essendo più elevato nei giorni da 0 a 90 dopo l'infezione ( aHR, 6.36 ) e ancora elevato durante i giorni da 91 a 180 ( aHR, 1.18 ).

Coloro che sono sopravvissuti al COVID-19 hanno mostrato una mortalità ridotta nei giorni da 181 a 365 ( aHR, 0.92 ) e da 366 a 730 ( aHR, 0.89 ).
Questi modelli erano coerenti tra le analisi di sensibilità.

I risultati di questo studio di coorte retrospettivo hanno indicato che, sebbene il rischio di mortalità complessivo a 2 anni fosse peggiore tra i soggetti infetti da COVID-19, dopo 180 giorni dall’infezione non è stato riscontrato un eccesso di mortalità durante i successivi 1.5 anni. ( Xagena2023 )

Iwashyna TJ et al, JAMA Intern Med 2023; 183: 1111-1119

Inf2023



Indietro