Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Pazienti diabetici con COVID-19, caratteristiche ed esito: uno studio caso-controllo a due Centri, retrospettivo


Da dicembre 2019 si è manifestata una polmonite causata dal virus SARS-CoV-2, che in seguito è stata denominata COVID-19, e molte persone hanno perso la vita a Wuhan, in Cina.
Il diabete è risultata essere una comune comorbidità nei pazienti con COVID-19.

Uno studio ha descritto le caratteristiche demografiche, cliniche e gli esiti dei pazienti con diabete infettati da SARS-CoV-2.

Uno studio caso-controllo, retrospettivo, a due Centri, è stato condotto presso l'ospedale Renmin e l'ospedale Zhongnan, entrambi dell'Università di Wuhan.
Sono stati arruolati pazienti diabetici affetti da COVID-19 ( diagnosi confermata ), dimessi o deceduti dal 1 gennaio 2020 al 25 febbraio 2020.
Per ogni paziente diabetico è stato selezionato in modo casuale un paziente con infezione da SARS-CoV-2 senza diabete, corrispondente per età e sesso.
I dati raccolti includevano caratteristiche demografiche e cliniche, parametri di laboratorio, esiti, decorso clinico e trattamento.

Tra i pazienti con COVID-19, 79 ( 9.6% ) erano pazienti diabetici. L'età media era di 66 anni ( IQR, 56.0-73.3 ).

La mortalità dei pazienti diabetici e non-diabetici abbinati è stata rispettivamente del 35.4% e del 20.3%.

I pazienti con infezione da SARS-CoV-2 con diabete avevano maggiore probabilità di avere comorbilità sottostanti tra cui ipertensione e malattie cardiovascolari.

I pazienti diabetici con infezione da virus SARS-CoV-2 erano inclini a sviluppare complicanze tra cui ARDS [ sindrome da distress respiratorio acuto ] ( 31 [ 39.2% ] vs 16 [ 20.3% ] ), danno cardiaco acuto ( 37 [ 46.8% ] vs 18 [ 22.8% ] ), danno renale acuto ( 14 [ 17.7% ] vs 5 [ 6.3% ] ), infezione secondaria ( 34 [ 43.0% ] vs 17 [ 21.5% ] ) e shock ( 28 [ 35.4% ] vs 16 [ 20.3% ] ).

Tra i pazienti diabetici con infezione da SARS-CoV-2, i non-sopravvissuti erano più anziani ( 74.5 versus 63 anni ) e avevano maggiore probabilità di avere condizioni mediche di base.
I non-sopravvissuti hanno riportato una glicemia media più elevata ( 13.5 vs 7.3 mmol/L ) durante il ricovero.
Rispetto ai sopravvissuti diabetici, sono state riscontrate nei soggetti non-sopravvissuti percentuali più elevate di insorgenza di complicanze tra cui ARDS ( 28 [ 100.0% ] vs 3 [ 5.9% ] ), danno cardiaco acuto ( 27 [ 96.4% ] vs 10 [ 19.6% ] ), danno renale acuto ( 14 [ 50.0% ] vs 0 ), infezione secondaria ( 21 [ 75.0% ] vs 13 [ 25.5% ] ) e shock ( 27 [ 96.4% ] vs 1 [ 2.0% ] ).

In conclusione, la mortalità dei pazienti diabetici con COVID-19 è stata del 35.4%; i pazienti diabetici erano inclini a soffrire di disfunzione multiorgano, infezione secondaria, ed avevano esiti peggiori.
Il diabete, assieme alla vecchiaia, ad altre comorbidità sottostanti e al cattivo controllo glicemico durante il ricovero hanno contribuito agli esiti negativi nei pazienti diabetici con malattia COVID-19. ( Xagena2020 )

Fonte: The Lancet, 2020

Inf2020 Endo2020



Indietro