GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Stato degli anticorpi e incidenza dell'infezione da SARS-CoV-2 negli operatori sanitari


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non ben definita.

È stata studiata l'incidenza dell'infezione da SARS-CoV-2 confermata dalla reazione a catena della polimerasi ( PCR ) negli operatori sanitari sieropositivi e sieronegativi che frequentavano i test del personale asintomatico e sintomatico presso gli Oxford University Hospitals nel Regno Unito.

Lo stato anticorpale al basale è stato determinato mediante test anti-spike ( analisi primaria ) e saggio per le IgG anti-nucleocapside e i membri del personale sono stati seguiti fino a 31 settimane.

È stata stimata l'incidenza relativa dei risultati dei test positivi alla PCR e della nuova infezione sintomatica in base allo stato degli anticorpi, aggiustando per età, sesso riferito dai partecipanti e cambiamenti nell'incidenza nel tempo.

In totale 12.541 operatori sanitari hanno partecipato e hanno misurato le IgG anti-spike; 11.364 sono stati seguiti dopo risultati anticorpali negativi e 1.265 dopo risultati positivi, inclusi 88 in cui si è verificata la sieroconversione durante il follow-up.

In totale 223 operatori sanitari anti-spike-sieronegativi hanno avuto un test PCR positivo ( 1.09 per 10.000 giorni a rischio ), 100 durante lo screening mentre erano asintomatici e 123 mentre erano sintomatici; 2 operatori sanitari anti-spike-sieropositivi hanno avuto test PCR positivo ( 0.13 per 10.000 giorni a rischio ) ed entrambi erano asintomatici durante il test ( rapporto del tasso di incidenza aggiustato, 0.11; P=0.002 ).

Non sono state riscontrate infezioni sintomatiche nei lavoratori con anticorpi anti-spike.
I rapporti di incidenza sono risultati simili quando il saggio per le IgG anti-nucleocapside è stato utilizzato da solo o in combinazione con il saggio per le IgG anti-spike per determinare lo stato basale.

La presenza di anticorpi IgG anti-spike o anti-nucleocapside è stata associata a un rischio sostanzialmente ridotto di reinfezione da virus SARS-CoV-2 nei successivi 6 mesi. ( Xagena2021 )

Lumley SF et al, N Engl J Med 2021; 384: 533-540

Inf2021



Indietro