Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Tocilizumab nei pazienti con forma grave di COVID-19


Nessuna terapia è approvata per la polmonite COVID-19. È stato valutato il ruolo di Tocilizumab ( RoActemra ) nel ridurre il rischio di ventilazione meccanica invasiva e morte nei pazienti con grave polmonite da COVID-19 che ricevevano un trattamento standard di cura.

Uno studio di coorte retrospettivo e osservazionale ha incluso adulti di età a partire da 18 anni con grave polmonite COVID-19 che erano stati ricoverati a Bologna e a Reggio Emilia tra il 21 febbraio e il 24 marzo 2020, e a Modena tra il 21 febbraio e il 30 aprile 2020.

Tutti i pazienti sono stati trattati con lo standard di cura ( cioè Ossigeno supplementare, Idrossiclorochina, Azitromicina, antiretrovirali ed Eparina a basso peso molecolare ); anche un sottogruppo di pazienti selezionato in modo non-casuale ha ricevuto Tocilizumab.

Tocilizumab è stato somministrato per via endovenosa a 8 mg/kg di peso corporeo fino a un massimo di 800 mg in due infusioni, a distanza di 12 ore, o per via sottocutanea a 162 mg somministrati in due dosi simultanee, una in ciascuna coscia, ovvero 324 mg in totale, quando la formulazione endovenosa non era disponibile.

L'endpoint primario era un composito di ventilazione meccanica invasiva o morte.

I gruppi di trattamento sono stati confrontati dopo aggiustamento per sesso, età, centro di reclutamento, durata dei sintomi e punteggio SOFA ( Sequential Organ Failure Assessment ) al basale.

Dei 1.351 pazienti ammessi, 544 ( 40% ) avevano una grave polmonite da COVID-19 e sono stati inclusi nello studio.

57 pazienti su 365 ( 16% ) nel gruppo di cura standard hanno avuto necessità della ventilazione meccanica, rispetto a 33 su 179 pazienti ( 18% ) trattati con Tocilizumab ( P=0.41; 16 su 88 pazienti, 18%, trattati per via endovenosa e 17 su 91 pazienti, 19%, trattati per via sottocutanea ).

In tutto 73 pazienti ( 20% ) nel gruppo di terapia standard sono morti, rispetto a 13 pazienti ( 7%; P minore di 0.0001 ) trattati con Tocilizumab ( 6, 7%, trattati per via endovenosa e 7, 8%, trattati per via sottocutanea ).

Dopo l'aggiustamento per sesso, età, centro di reclutamento, durata dei sintomi e punteggio SOFA, il trattamento con Tocilizumab è stato associato a un rischio ridotto di ventilazione meccanica invasiva o morte ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.61, P=0.020 ).

Il trattamento con Tocilizumab, somministrato per via endovenosa o sottocutanea, potrebbe ridurre il rischio di ventilazione meccanica invasiva o morte nei pazienti con grave polmonite da COVID-19. ( Xagena2020 )

Guaraldi G et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 474-484

Inf2020 Pneumo2020 Med2020 Farma2020


Indietro