Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Tocilizumab tra i pazienti con COVID-19 in terapia intensiva


Tocilizumab ( RoActemra ), un anticorpo monoclonale diretto contro il recettore dell'interleuchina-6 ( IL-6 ), è stato proposto per mitigare la sindrome da tempesta di citochine associata alla forma grave di COVID-19.
È stata studiata l'associazione tra esposizione a Tocilizumab e la mortalità ospedaliera tra i pazienti che richiedono il supporto dell’Unità di terapia intensiva ( UTI ) per COVID-19.

È stato condotto uno studio di coorte osservazionale retrospettivo in 13 ospedali all'interno del network Hackensack Meridian Health ( NJ, USA ).
Sono stati inclusi pazienti di età a partire da 18 anni con malattia COVID-19 confermata in laboratorio che necessitavano di supporto in terapia intensiva.

Sono stati ottenuti dati da un database prospettico osservazionale e sono stati confrontati gli esiti nei pazienti che hanno ricevuto Tocilizumab con quelli che non lo hanno fatto. L'endpoint primario era la mortalità correlata all'ospedale.

Tra il 1º marzo e il 22 aprile 2020, 764 pazienti con COVID-19 hanno richiesto supporto in terapia intensiva, di cui 210 ( 27% ) hanno ricevuto Tocilizumab.
I fattori associati all’assunzione di Tocilizumab erano: età, sesso, funzionalità renale e luogo del trattamento dei pazienti.

In tutto 630 pazienti sono stati inclusi nella popolazione abbinata per punteggio di propensione, di cui 210 hanno ricevuto Tocilizumab e 420 non hanno ricevuto l'anticorpo.
358 dei 630 pazienti ( 57% ) sono deceduti, 102 ( 49% ) che hanno ricevuto Tocilizumab e 256 ( 61% ) che non hanno ricevuto il farmaco.

La sopravvivenza mediana complessiva dal momento del ricovero non è stata raggiunta tra i pazienti che ricevevano Tocilizumab, ed è stata di 19 giorni per quelli che non avevano ricevuto Tocilizumab ( hazard ratio, HR 0.11, P=0.0027 ).

Nell'analisi di regressione di Cox multivariata primaria con adattamento per propensione, è stata osservata una associazione tra l'assunzione di Tocilizumab e la diminuzione della mortalità ospedale-correlata ( HR 0.64, P=0.0040 ).
Associazioni simili con Tocilizumab sono state notate tra i sottogruppi con necessità di supporto ventilatorio meccanico e con livello di proteina C reattiva al basale di 15 mg/dl o superiore.

In questo studio osservazionale, i pazienti con COVID-19 che necessitavano di supporto in terapia intensiva che avevano ricevuto Tocilizumab hanno avuto una mortalità ridotta.
Si attendono i risultati degli studi clinici controllati randomizzati in corso. ( Xagena2020 )

Biran N et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 603-612

Inf2020 Med2020 Farma2020


Indietro