Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Uso a lungo termine di farmaci immunosoppressori ed esiti di COVID-19 in ospedale


Molte persone assumono farmaci immunosoppressori a lungo termine. Si è valutato se questi individui abbiano esiti peggiori quando sono ricoverati in ospedale con COVID-19 rispetto agli individui non-immunosoppressi.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo utilizzando i dati del National COVID Cohort Collaborative ( N3C ), il più grande archivio di cartelle cliniche elettroniche di pazienti in ospedale con COVID-19 confermato o sospetto negli Stati Uniti, tra il 1 gennaio 2020 e l'11 giugno 2021, all'interno di 42 sistemi sanitari.

Sono stati confrontati adulti con farmaci immunosoppressori impiegati prima del ricovero con adulti senza immunosoppressione a lungo termine.
È stata considerata l'immunosoppressione in generale, oltre a 15 classi di farmaci e tre indicazioni generali per farmaci immunosoppressori.

Tra i 231.830 adulti potenzialmente idonei nell'archivio N3C che sono stati ricoverati in ospedale con COVID-19 confermato o sospetto durante il periodo di studio, 222.575 hanno soddisfatto i criteri di inclusione ( età media 59 anni; 111.269 uomini, 50% ).

Le comorbilità più comuni erano il diabete ( 23% ), le malattie polmonari ( 17% ) e le malattie renali ( 13% ).
16.494 pazienti ( 7% ) erano in immunosoppressione a lungo termine con farmaci per diverse condizioni, tra cui malattie reumatologiche ( 33% ), trapianto di organi solidi ( 26% ) o tumore ( 22% ).

Nella coorte abbinata per punteggio di propensione, che ha incluso 12.841 pazienti immunosoppressi e 29.386 pazienti non-immunosoppressi, l'immunosoppressione è stata associata a un rischio ridotto di ventilazione invasiva ( HR 0.89 ) e non vi è stata alcuna associazione complessiva tra immunosoppressione a lungo termine e rischio di morte in ospedale.
Nessuna delle 15 classi di farmaci esaminate è stata associata a un aumentato rischio di ventilazione meccanica invasiva.

Sebbene non vi fosse un'associazione statisticamente significativa tra la maggior parte dei farmaci e la morte in ospedale, sono stati riscontrati aumenti con Rituximab per malattie reumatologiche ( 1.72 ) e per tumore ( 2.57 ).

I risultati sono stati generalmente coerenti tra le analisi dei sottogruppi che hanno considerato etnia o sesso, nonché tra le analisi di sensibilità che hanno variato esposizione, covariate e definizioni degli esiti.

In questa coorte, con l'eccezione del Rituximab, non vi è stato un aumento del rischio di ventilazione meccanica o morte in ospedale per le terapie reumatologiche, antineoplastiche o antimetabolita esaminate. ( Xagena2022 )

Andersen KM et al, Lancet Rheumatology 2022; 4: 33-41

Reuma2022 Inf2022 Farma2022



Indietro